Home page » Attivita' principali ed in corso » Regione Puglia
:: Regione Puglia
Stemma Puglia

 

S.I.N. Taranto

In data 5 novembre 2009 il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione Puglia, la Provincia di Taranto, il Comune di Taranto, l’Autorità Portuale di Taranto e la Sogesid S.p.A. sottoscrivono un Protocollo d’Intesa finalizzato alla riqualificazione ambientale delle aree ricadenti nel SIN Taranto ed al contestuale sviluppo infrastrutturale prioritario dell’area portuale di Taranto .

Per effetto degli Accordi convenzionali succedutisi nel tempo risultano affidate alla Sogesid S.p.A. le attività appresso riassunte:

  • Completamento della caratterizzazione delle acque di falda (acquifero superficiale) lungo la fascia costiera del SIN;
  • Definizione di uno Studio di Fattibilità per la messa in sicurezza e bonifica della falda superficiale lungo la fascia costiera del SIN;
  • Progettazione preliminare dell’intervento di messa in sicurezza e bonifica della falda acquifera superficiale nell’intero SIN;
  • Progettazione definitiva per la messa in sicurezza e bonifica della falda in area ex Yard Belleli, funzionale alla realizzazione della cassa di colmata cosiddetto “ampliamento del V Sporgente”;
  • Progettazione preliminare delle attività di dragaggio di circa 2.300.000 mc, con finalità di bonifica e di portualità relativamente al Terminal Contenitori del Molo Polisettoriale del Porto di Taranto;
  • Progettazione preliminare della cassa di colmata funzionale a est del V Sporgente, della capacità di 9.000.000 mc, funzionale alla gestione dei sedimenti dragati in ambito portuale, realizzabile in lotti funzionali;
  • Sperimentazione delle tecniche di trattamento dei sedimenti funzionali al loro riutilizzo (ai fini di ripascimento, ripristino morfologico e paesaggistico di cave e/o discariche presenti nel territorio, collocamento in vasche di raccolta, etc.);
  • Realizzazione delle opere di messa in sicurezza e bonifica della falda in area ex Yard Belleli, funzionale alla realizzazione della cassa di colmata cosiddetto “ampliamento del V Sporgente”;
  • Progettazione definitiva delle attività di dragaggio di circa 2.300.000 mc con finalità di bonifica e di portualità relativamente al Terminal Contenitori del Molo Polisettoriale del Porto di Taranto;
  • Progettazione definitiva ed esecutiva di un I Lotto Funzionale della cassa di colmata, di cui al precedente punto, anche con finalità di messa in sicurezza permanente dei sedimenti antistanti l’ex Yard Belleli, della capacità di circa 2.300.000 mc;
  • Realizzazione delle attività di dragaggio di circa 2.300.000 mc con finalità di bonifica e di portualità relativamente al Terminal Contenitori del Molo Polisettoriale del Porto di Taranto;
  • Realizzazione di un I Lotto Funzionale della cassa di colmata, di cui al punto precedente, anche con finalità di messa in sicurezza permanente dei sedimenti antistanti l’ex Yard Belleli della capacità di circa 2.300.000 mc;
  • Realizzazione di studi e attività necessarie per l’ottenimento delle autorizzazioni ambientali richieste dalla normativa vigente (VIA, VAS, Valutazione di Incidenza);
  • Progettazione definitiva dell’intero intervento di messa in sicurezza e bonifica della falda in area ex Yard Belleli ed eventualmente progettazione esecutiva del I Stralcio, Funzionale alla realizzazione della cassa di colmata cosiddetto “ampliamento del V Sporgente” provvedendo, altresì, all’espletamento delle procedure di gara per l’aggiudicazione dell’appalto nei termini di cui al Protocollo d’Intesa.

Si rileva che la Sogesid S.p.A. ha completato la progettazione preliminare e definitiva per la messa in sicurezza della falda in area ex Yard Belleli, funzionale alla realizzazione della cassa di colmata cosiddetto “ampliamento del V Sporgente”, i cui lavori sono stati affidati.
Inoltre, sono state completate le progettazioni preliminari per il dragaggio dei circa 2.300.000 mc di sedimenti nella darsena polisettoriale e la contestuale realizzazione della cassa di colmata ad est del V Sporgente. Tali progetti sono stati approvati, con prescrizioni, in sede di Conferenza dei Servizi Decisoria del 24 febbraio 2011.
Allo stato attuale risultano ancora da realizzare le seguenti attività:

  • progettazione preliminare alla messa in sicurezza e bonifica relativamente al campo di esistenza dell’acquifero superficiale lungo la fascia costiera del SIN;
  • attività necessarie per l’ottenimento dell’autorizzazione ambientale (VIA) per gli interventi di dragaggio dei sedimenti della darsena polisettoriale e della cassa di colmata per l’ampliamento del V sporgente;
  • attività di sperimentazione delle tecniche di trattamento dei sedimenti funzionali al loro riutilizzo (ai fini di ripascimento, ripristino morfologico e paesaggistico di cave e/o discariche presenti nel territorio, collocamento in vasche di raccolta, etc.);

S.I.N. Brindisi

  • In data 18 dicembre 2007 tra il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Commissario per l’emergenza ambientale, la Regione Puglia, la Provincia di Brindisi e l’Autorità Portuale di Brindisi è sottoscritto un Accordo di Programma “Per la definizione degli interventi di messa in sicurezza e bonifica delle aree comprese nel Sito di Interesse Nazionale di Brindisi”.

Alla Sogesid vengono affidate le seguenti attività:

  • Redigere lo studio di fattibilità per la realizzazione degli interventi di messa in sicurezza e bonifica della falda acquifera in collaborazione con l’ARPA Puglia;
  • Progettare e realizzare gli interventi di messa in sicurezza e bonifica della falda acquifera;
  • Progettare e realizzare gli interventi di bonifica dell’area marino costiera inclusa nel perimetro del sito.

Successivamente, le seguenti attività:

  1. la progettazione dell’intervento di messa in sicurezza della falda della banchina di S. Apollinare mediante barriera fisica integrata da un sistema di drenaggio ubicato a monte idrogeologico della barriera medesima e successivo trattamento in un idoneo impianto dedicato (TAF);
  • la progettazione della bonifica dei suoli mediante rimozione dei terreni contaminati con l’applicazione della tecnologia di “soil washing”.

Con riferimento all’attività di messa in sicurezza e bonifica della falda acquifera la Sogesid S.p.A. ha:

  • nel giugno 2009 redatto la progettazione preliminare dell’Intervento di messa in sicurezza e bonifica della falda della banchina di Sant’Apollinare;
  • nel giugno 2009 redatto la progettazione della bonifica dei suoli mediante rimozione dei terreni contaminati con l’applicazione della tecnologia di “soil washing”;
  • nel novembre 2009, unitamente all’ARPA Puglia, redatto lo Studio di Fattibilità degli interventi di messa in sicurezza e bonifica della falda;
  • nell’ottobre 2010 redatto il Progetto Preliminare degli interventi di messa in sicurezza e bonifica della falda.

Per quanto concerne l’aggiornamento sullo stato dell’arte relativo all’attuazione dei compiti  incaricati, si evidenzia che si avvieranno quelle attività che residuano essere espletate e specificatamente:

  • Progettazione definitiva degli interventi di messa in sicurezza e bonifica della falda acquifera;
  • Realizzazione degli interventi di messa in sicurezza e bonifica della falda acquifera;
  • Progettazione degli interventi di bonifica dell’area marina costiera inclusa nel perimetro del sito;
  • Realizzazione degli interventi di bonifica dell’area marina costiera inclusa nel perimetro del sito.

 

 

 

Bandi di gara
Regione Puglia

Via Calabria, 35 00187 Roma Tel:06.420821 Fax:06.483574 sogesid@pec.sogesid.it Cod.Fisc. e p.IVA 04681091007

SOGESID Home Page