Porto di Venezia: intesa Autorità – Sogesid su interventi ambientali e infrastrutturali, da banchine a strade e ferrovie

Panoramica porto Venezia - foto fornita da ADSP MAS

La Società accompagnerà le azioni dell’AdSP MAS sugli scali veneti: da studi e progettazione, a gare e direzione lavori. Anche uno studio preliminare sulla Piattaforma Intermodale.

 

Roma, 9 giugno – La riqualificazione delle banchine portuali, interventi di sviluppo stradale e ferroviario, uno studio ambientale sulla Piattaforma Intermodale. Parte con questi obiettivi un’intesa sottoscritta dall’Autorità Portuale del Mar Adriatico Settentrionale con Sogesid, la Società “in house” dei Ministeri della Transizione Ecologica e delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili. L’intesa, firmata dal Presidente Fulvio Lino De Blasio e dall’amministratore delegato di Sogesid Carmelo Gallo, mette la Società al fianco dell’Autorità per accelerare l’infrastrutturazione, la bonifica e la riqualificazione ambientale negli scali di Venezia e Chioggia, stabilendo la tipologia di servizi tecnico-ingegneristici che Sogesid potrà rendere in coerenza con gli obiettivi istituzionali.

panoramica porto Venezia - foto AdSP MAS

Un accordo che è entrato già nella fase attuativa, attraverso due distinte convenzioni: una per il supporto tecnico specialistico agli interventi di efficientamento delle infrastrutture portuali, con gli interventi di riqualificazione delle banchine e lo sviluppo di infrastrutture stradali e ferroviarie, l’altra per progettare nuovi interventi e realizzare lo studio ambientale preliminare per l’opera “Piattaforma intermodale”.

Per le banchine, si prevede l’attivazione di Sogesid prima, durante e dopo la gara dei lavori: col supporto alla Stazione appaltante per presentare gli elaborati progettuali da portare in Conferenza dei Servizi per gli interventi in area SIN , per la verifica del progetto Esecutivo, per la gestione delle diverse fasi di gara, fino alla Direzione dei lavori e al collaudo delle opere. Tra queste, la convenzione cita interventi nell’area a Nord della banchina GMI lungo la sponda Ovest del Canale Industriale Ovest, sul molo Sali, adeguamenti ambientali delle banchine nei moli A e B, sul Canale Industriale Sud prospiciente l’area Vesta / Ecoprogetto. Previste anche opere stradali e ferroviarie con adeguamenti, ampliamenti e messe in sicurezza, interventi di sistemazioni di rete fognaria a Porto Marghera e il potenziamento degli impianti elettrici e di illuminazione dello scalo veneziano.

Una seconda convenzione guarda invece alla progettazione di collegamenti strada/ferro, come quelli di via Elettricità – Montesyndial, del nodo Malcontenta, lo Studio preliminare ambientale sull’opera Piattaforma Intermodale, necessario per avviare lo screening della procedura di VIA, il “Project review” della Nuova officina ferroviaria. In questo caso, Sogesid si dedicherà alle fasi progettuali e di indagine, oltre che alla redazione degli elaborati tecnici per portare avanti i procedimenti amministrativi.

Per il Presidente dell'AdSP MAS Fulvio Lino Di Blasio “l’accordo si colloca nell’ambito delle attività finalizzate ad avviare e accelerare le attività propedeutiche alla realizzazione di alcune opere già finanziate con risorse pubbliche e che rivestono carattere strategico per lo sviluppo del Sistema Portuale".

Per il Presidente di Sogesid Gallo, “è motivo di grande soddisfazione la scelta dell’Autorità di incaricare Sogesid per un quadro così ampio e articolato di interventi. Su tutto il Mare Adriatico, la Società è impegnata nel supporto alle Autorità potendo contare su ampie competenze: ora comincia una nuova sfida assai ambiziosa, per quel che rappresenta Venezia nel mondo e per i delicati equilibri che la caratterizzano”. Responsabili per l'intesa sono il Segretario generale dell'Autorità Antonella Scardino e il Dirigente Enrico Brugiotti per Sogesid.

 

 

Foto fornite dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale

9 Giugno 2022